15/04/2024
  • 5:00 pm Soggiorni esotici eco-sostenibili: soggiornare in paradisi con impatto minimo
  • 9:01 am Le destinazioni invernali più belle in Italia per chi arriva dall’estero
  • 12:25 pm Diventare guida turistica: formazione e guadagno
  • 7:53 am Viaggiare in dolce attesa: consigli per una gravidanza serena
  • 6:42 am Turismo: come aumentare le prenotazioni del tuo hotel
vino gli strumenti per venderlo online

Nell’ultimo periodo il successo dell’e-commerce è cresciuto notevolmente ed il merito lo dobbiamo anche un po’ alla pandemia da covid-19. Questa ha in qualche modo inciso sulle nostre abitudini, sui nostri modi di fare e sul nostro stile di vita. Con i punti vendita fisici chiusi e la necessità di dover rimanere in casa per placare la diffusione del virus siamo stati spinti maggiormente verso l’acquisto online di beni e servizi.

Oggi acquistiamo di tutto online, anche il vino, nonostante quest’ultimo rimanga comunque un prodotto non così semplice da vendere tramite e-commerce e piattaforme online.

Perché?

Come in tutti i settori commerciali è richiesta la creazione di un’ampia strategia che preveda l’integrazione di diversi strumenti di marketing tra cui la presenza di un sito aziendale online, la creazione di campagne di direct marketing con DEM ben strutturate e costruite ad hoc per impattare il cliente, come quelle fatte da Ediscom Spa, l’invio automatizzato e personalizzato di SMS e anche la creazione di contenuti sponsorizzati sulle piattaforme social.

Gli strumenti adatti a vendere il vino online sono davvero molti e oggi ve ne vogliamo parlare in questo nostro articolo.

Vendita del vino online: gli strumenti di marketing

Vendere vino online può sembrare apparentemente semplice, in realtà non lo è del tutto, anche se non è impossibile. I motivi sono diversi e molti sono legati alle normative in vigore e a fattori logistici per la distribuzione del vino. Molti venditori di questo prodotto, infatti, non hanno ancora compreso come gestire pienamente e nel miglior modo possibile l’evasione degli ordini.

Ma superati questi piccoli ostacoli vi assicuriamo che vendere vino online è possibile.

La prima cosa da fare è sicuramente quella di attrarre a sé il consumatore e per farlo è necessario conoscerlo, sapere quali sono i suoi interessi e il suo stile di vita.

La segmentazione e l’acquisizione di lead di qualità consente di avere a disposizione gruppi di persone ben targetizzate verso le quali orientare la propria proposta di valore.

Conoscere il cliente e segmentarlo è vantaggioso per le aziende, poiché sapere quali sono i bisogni dei consumatori attuali o potenziali permette loro di costruire strategie digitali ad hoc che rispondano nella maniera più adatta e nel momento più adeguato a queste loro esigenze e lo stimolino cosi alla conversione, ovvero all’acquisto del vino.

La segmentazione e la conoscenza del pubblico sono quindi due elementi indispensabili per la buona riuscita della strategia aziendale.

Ma come attrare l’utente online?

Data la moltitudine di aziende, contenuti e soggetti presenti sul web, farsi notare in un mondo cosi affollato non è semplice.

Il modo migliore per aumentare la visibilità online è essere presenti sul web con siti e contenuti accattivanti e ben costruiti che rispettino determinate regole SEO in grado di far migliorare il posizionamento della pagina sui motori di ricerca. Comparire tra i primi risultati della SERP è quindi un altro grande obiettivo da raggiungere, poiché ne aumenta la visibilità e favorisce la brand awareness, oltre all’aumento del numero di click sul sito.

Per fare tutto questo è fondamentale sviluppare una buona strategia SEO e applicarla in base a quelli che sono gli obiettivi di business dell’azienda.

Altro modo per essere visibili online con la propria azienda di vini è possedere un profilo social sulle piattaforme maggiormente diffuse. Questo non significa che senza un profilo su uno o più social media la propria azienda non verrà conosciuta, ma a seconda del proprio target di riferimento, essere presente in uno dei luoghi virtuali in cui gli utenti passano molte ore del loro tempo, potrebbe fare la differenza.

All’interno di queste piattaforme è possibile creare campagne social sponsorizzate in grado di far conoscere l’azienda e spingere con le giuste call to action gli utenti a cliccare per acquistare un prodotto o visitare il sito web, a seconda degli obiettivi di business.

Gli strumenti di marketing utilizzabili per favorire la vendita del vino online non sono, però, terminate.

Tra questi rientrano le DEM, ovvero uno strumento di direct marketing utile a creare un’interazione diretta con il cliente o potenziale cliente e incentivarlo all’acquisto tramite e-commerce. Costruendo email personalizzate, con il nome del destinatario, grazie a database ben strutturati e con lead di qualità, come quelli offerti da aziende specializzate come Ediscom, con contenuti accattivanti, sconti e una call to action intrigante è possibile stimolare l’utente a cliccare e dirigersi verso il sito dell’azienda per acquistare il prodotto.

Ma anche gli SMS rientrano tra gli strumenti utili a creare un’interazione diretta con il consumatore e spingerlo alla conversione. Il segreto è lo sviluppo di una strategia di content marketing basata sulla conoscenza del cliente.

Da come si può intuire, quindi, gli strumenti a disposizione delle aziende vinicole per favorire la vendita del vino online sono diversi. Per usufruirne però è necessario avere ben in mente quali sono gli obiettivi d raggiungere e costruire una strategia di marketing ben pensata, magari affidandosi ad aziende specializzate nel settore come Ediscom, che offrono servizi di consulenza e aiutano i loro clienti ad ottenere successo dal proprio business e un ottimo ritorno sull’investimento.

adminagenzia

RELATED ARTICLES