16/04/2024
  • 5:00 pm Soggiorni esotici eco-sostenibili: soggiornare in paradisi con impatto minimo
  • 9:01 am Le destinazioni invernali più belle in Italia per chi arriva dall’estero
  • 12:25 pm Diventare guida turistica: formazione e guadagno
  • 7:53 am Viaggiare in dolce attesa: consigli per una gravidanza serena
  • 6:42 am Turismo: come aumentare le prenotazioni del tuo hotel

La punta meridionale del Lago d’Iseo è un luogo magico dove l’incontro tra terra e acqua crea un’area naturale molto interessante, protetta dalla Regione Lombardia. È Torbiere del Sebino, una torbiera naturale dichiarata “Zona umida di importanza internazionale”, “Area speciale di conservazione” (SAC) e “Zona di protezione speciale” (ZPS). La natura del Lago d’Iseo diventa un tesoro. Scopriamo di più.

I colori mozzafiato della riserva naturale di Torbiere del Sebino
Torbiere del Sebino si estende per circa 360 ettari nei comuni di Iseo, Provaglio d’Iseo e Corte Franca. L’area è una zona umida / palude riconosciuta come Riserva Naturale. I suoi giunchi e stagni sono perfettamente integrati nel paesaggio circostante composto da campi coltivati, case e piccole strade della Franciacorta.

Mentre gli occhi dei visitatori esplorano la riserva, troveranno nuove cose in qualsiasi direzione guardino: l’area centrale chiamata Lame è una grande distesa d’acqua racchiusa da argini; a nord, Lamette è una laguna di torbiere direttamente sul lago (non aperta ai visitatori); bacini a sud e ovest, e campi e prati nelle vicinanze. Questa miscela naturale ha un enorme valore ambientale. Inoltre, stupisce i visitatori con un’intensa vista dell’alba e del tramonto in un ambiente naturale tranquillo.

Torbiere offre diversi punti di osservazione per gli amanti del birdwatching. Prendi la tua macchina fotografica e il tuo binocolo per ammirare i bellissimi colori e il comportamento degli uccelli locali, tra cui aironi rossi, albanelle della palude, nibbio bruno e grandi tarabusi. È inoltre possibile trovare altri animali come mammiferi (toporagni, toporagni muschiati, ghirlande nocciola) e pesce (tinca, luccio, anguilla, pesce persico, carpa, pesce gatto).

Infine, anche le piante sono degne di nota. Fattori come la profondità dell’acqua nella riserva influenzano i tipi di piante che possono crescere qui. Esistono specie molto diverse tra cui alcune piante esotiche.
Le Torbiere del Sebino sono aperte tutti i giorni dell’anno dal tramonto al tramonto. Ci sono 3 ingressi principali: Iseo, Provaglio e Corte Franca. Ogni ingresso ha un chiosco automatico dei biglietti; i biglietti sono di Euro 1 ciascuno. Le scuole possono prenotare visite guidate.

La “Torbiere del Sebino” è una riserva naturale e una delle zone umide più interessanti della regione Lombardia, gestita dal Consorzio Torbiere.

Il modo migliore per scoprire la zona è dal monastero cluniacense di San Pietro in Lamosa. Nel comune di Provaglio d’Iseo, a pochi chilometri dall’hotel, troverete un ampio parcheggio gratuito, da dove si forma la strada per la zona: seguite il percorso che porta al ponte della ferrovia; Se si gira a sinistra, si raggiunge l’ingresso della riserva naturale. Su sentieri e ponti sospesi fatti di legno sopra l’acqua, puoi immergerti completamente nella natura incontaminata.

Dal centro di Iseo si raggiunge via Colombera, nella periferia meridionale della città, dove, se necessario, è possibile parcheggiare l’auto in uno dei grandi parcheggi disponibili. Prendi questa tranquilla stradina che corre sopra e parallela alla strada provinciale e goditi a destra la vista della zona delle “Lamette” e del lago.

Alla fine della strada, girare a destra e poi a sinistra, affrontando la salita verso Cremignane. Seguendo la segnaletica della pista ciclabile “Paratico-Brescia” in direzione di Brescia, ci si avvicina alle torbiere della riserva naturale del Sebino. Qui, in lontananza, si intravede il monastero di S. Pietro in Lamosa che è la tua prossima tappa.

Alla fine della strada sterrata che costeggia la riserva, svoltare a sinistra verso la stazione ferroviaria di Provaglio d’Iseo-Timoline. Una volta superato il passaggio a livello e seguendo la pista ciclabile, si raggiunge il monastero.

Ti suggeriamo di scendere dalla bicicletta per un po ‘per visitare il monastero o fare una delle passeggiate che ti conducono all’interno delle torbiere. Passerelle e piccoli ponti in legno vi porteranno su una passeggiata circolare lunga 4 km immersa nella natura. Una volta tornati in bicicletta, seguire la strada principale in direzione di Iseo. Al primo incrocio girare a sinistra e alla rotonda prendere la seconda uscita, raggiungendo così rapidamente il punto di partenza.

L’area è considerata uno dei più importanti paradisi per l’osservazione degli uccelli in Europa, con 17 specie di uccelli nidificanti come la cannaiola euroasiatica, la grande cannaiola, il piccolo svasso, il tarabuso, il parapetto, la canna comune, l’uccello della palude, il Savi silvia, marzaiola, granchio chiazzato, cuculo, beccaia, ciondolo, folaga, germano reale, gallinella d’acqua comune, larice di Cetti e altre specie migratrici.

Nelle acque del Torbiere del Sebino si possono trovare lucci, siluri, anguille, persici europei, carpe, tinche, banaline, ecc. La notevole vegetazione del litorale è abbondante in canne, giunchi e canne comuni, ci sono grandi alberi come pioppi e ontani e sulle distese d’acqua, belle ninfee galleggiano.

Si tratta di un percorso circolare che inizia e finisce al Monastero di San Pietro in Lamosa o, se preferisci, alla stazione di Provaglio. Partendo dal Monastero, si scende lungo una strada sterrata che si trova tra la bella chiesa e la strada principale per Iseo e, attraversando una passerella di legno che passa sotto il ponte della ferrovia, si passa lungo il bordo di un campo coltivato fino a ricongiungersi alla pista . Da qui, lungo un sentiero aperto attraverso la vegetazione, che serve a isolare la Riserva dal rumore del traffico, è possibile intravedere le acque.

Alla fine di questo sentiero si raggiunge l’ingresso della Riserva e lungo i passaggi pedonali e ponti che lo attraversano, ci si avvicina ad un asilo nido dove, con l’aiuto dei segni, si ritorna al Monastero. Il viaggio di ritorno inizialmente ti porta accanto ad alcune piscine, dove è consentita la pesca, poi oltre alcuni campi e infine attraverso un’altra area con passerelle di legno sospese sull’acqua.

Gli appassionati di bird-watching possono anche trovare un magnifico punto panoramico lungo il sentiero, che inizia di fronte al campo sportivo di Iseo.

adminagenzia

RELATED ARTICLES