15/04/2024
  • 5:00 pm Soggiorni esotici eco-sostenibili: soggiornare in paradisi con impatto minimo
  • 9:01 am Le destinazioni invernali più belle in Italia per chi arriva dall’estero
  • 12:25 pm Diventare guida turistica: formazione e guadagno
  • 7:53 am Viaggiare in dolce attesa: consigli per una gravidanza serena
  • 6:42 am Turismo: come aumentare le prenotazioni del tuo hotel

Si trova in una posizione che potrebbe essere definita “strategica” tra i punti in cui inizia la Valle Camonica e il fiume Oglio sfocia nel Lago d’Iseo. Per questo motivo, gli edifici adatti a difendere la popolazione dai nemici che erano interessati a questo territorio, come gli ungheresi, sorsero già nel X secolo.

Col tempo queste fortificazioni si trasformarono in grandi castelli per i quali gli eserciti di Bergamo e Brescia si contesero l’uno con l’altro in una lunga guerra che culminò nella vittoria dei Bresciani. Quando Federico Barbarossa, o Barba Rossa, arrivò in Italia nel 1158, stabilì che i castelli dovessero essere restituiti alla provincia di Bergamo e stabilì tutto con un accordo di pace tra il popolo di Brescia e Bergamo. Tuttavia, a partire dal 1427 per quasi quattro secoli, i territori di Costa Volpino, Lovere e le aree limitrofe passarono sotto il dominio della Serenissima Repubblica di Venezia, garantendo la pace e favorendo lo sviluppo economico e sociale.

L’economia locale si basa sull’industria e sul commercio e si è sviluppata durante il boom economico italiano a metà del XX secolo. Le pregevoli cave di marmo vulpinite, gesso e statue sono state chiuse molti anni fa.

Costa Volpino è divisa in sette piccoli centri storici che compongono lo stesso numero di frazioni. Tra questi c’è Corti, di origine medievale, che si è esteso fino al lago nel 20 ° secolo. Il municipio e la nuova chiesa parrocchiale, necessari per soddisfare il sostanziale aumento del numero di abitanti, sono stati costruiti nell’area vicino al lago. Poi c’è Piano che si è sviluppato negli anni sessanta come un moderno centro industriale. Il piccolo gruppo di case chiamato “Pizzo” è piuttosto pittoresco; con il loro mix di vecchio e nuovo è un luogo dove passato e presente si incontrano. Qualino si adagia su un’ampia terrazza, una volta completamente coltivata, da cui si gode una vista panoramica sul Lago d’Iseo e sulla bassa valle della Camonica. Il centro è di origine medievale con i suoi balconcini e portici in legno ed è diviso in piccole contrade (quartieri).

Ultimo ma non meno importante è Volpino, un villaggio di origine romana, il cui antico nome indicava un’area abitata da volpi. Questo piccolo villaggio conserva ancora alcune case antiche con porte e archi in perfetto stile medievale. Situato su un’enorme roccia, è famoso per l’estrazione di Vulpinite, un particolare tipo di intonaco che prende il nome dal luogo stesso e viene utilizzato nelle industrie di produzione di vernici e cemento.

Situata nel punto in cui il fiume Oglio sfocia nel lago, Costa Volpino nacque come insediamento di Camuni, divenne un fiero promontorio comune dominato dal castello Costa per poi cadere sotto il dominio della Repubblica di Venezia. Navigazione Lago d’Iseo si basa qui. Costa Volpino non ha pontile; per arrivare qui, dovremmo scendere a Lovere. Splendidi percorsi escursionistici e mountain bike partono dalla frazione di Ceratello; la frazione di Branico vanta la bella chiesa parrocchiale di San Bartolomeo.

Un tour in autobus dalle frazioni montane di Branico, Qualino, Flaccanico e Ceratello ci consente di godere di viste panoramiche dalla cima del Lago d’Iseo e della Valle Camonica. Costa Volpino è collocata in una posizione strategica consente di raggiungere facilmente e in pochissime zone turistiche. Di fronte al lago, un clima mite, ideale per la casa vacanze da godere in completa tranquillità, a 2 passi dalla famosa località di Lovere, a pochi chilometri da Boario Terme e in pochi minuti potrai accedere allo sci pendici di MonteCampione e Monte Pora. Meno di mezz’ora (35 km di autostrada) dall’autostrada A4 uscita Ospitaletto. Costa Volpino è collocata in una posizione strategica consente di raggiungere facilmente e in pochissime zone turistiche.

L’antica strada della Valeriana sul lato bresciano fonde storia e natura. Si dice che sia stato costruito dai romani e utilizzato per ottenere il controllo della valle della Camonica. Per coloro che desiderano godersi lo scenario del lago, ci sono varie opportunità per ammirarne la bellezza stando comodamente seduti su un traghetto. Vengono offerti tour che uniscono le “tre perle” del lago – Montisola e due isole minori, Loreto e San Paolo, tre gemme autentiche – con l’opportunità di utilizzare il servizio di traghetto che collega i vari resort sulle rive e Montisola, per visitare siti, monumenti e musei, e goditi anche il modo di vivere in queste città, passeggiando tra storia e arte e persino visitando negozi, bar e ristoranti.

Tutte le città intorno al lago Sebino hanno origini molto antiche. Le gemme artistiche e architettoniche abbondano nella fitta rete di monumenti, edifici, chiese, monasteri, palazzi e torri che legano la storia al presente con risultati straordinari, come Lovere con i suoi palazzi e l’Accademia Tadini, famosa per le sue collezioni d’arte che riflettono fedelmente il neoclassico era. Splendida fusione tra lago e montagna, Lovere fa parte di un’organizzazione “I borghi più belli d’Italia” (le città più belle d’Italia). Altre città, come Sarnico con la sua villa in stile liberty lungo la riva del lago, non sono meno belle e attraggono molti turisti e giovani, a cui piace incontrarsi e godersi la vita notturna.

adminagenzia

RELATED ARTICLES