15/07/2024
  • 5:00 pm Cosa vedere a Torino in due giorni: la tua mini-guida per un’avventura urbana indimenticabile!
  • 5:00 pm cosa vedere a procida in un giorno: scopri i gioielli nascosti dell’isola in 24 ore magiche
  • 5:00 pm Cosa vedere a Senigallia: una guida per scoprire gioielli nascosti e meraviglie costiere
  • 5:00 pm I buoni fruttiferi come investimento sicuro per il futuro delle famiglie italiane
  • 5:00 pm L’importanza della sala borsa nelle dinamiche del mercato azionario

Un capriccio della geografia ha mantenuto Brescia uno dei segreti nascosti dell’Italia settentrionale. Il problema di Brescia è che è vicino a tanti luoghi “da non perdere” da visitare. Con il Lago di Garda a meno di 30 chilometri di distanza, e il Lago di Como, Milano, Verona e Venezia, tutti facilmente raggiungibili, i turisti tendono a trascurare le numerose attrazioni di Brescia. Approfitta di questa occasione per socializzare con la gente del posto mentre percorri il foro lungo una strada che un tempo faceva parte della principale rotta romana da Bologna attraverso le Alpi. E non perdere uno dei migliori musei storici d’Italia, che comprende una villa romana originale. Un castello e un edificio sulla loggia di Piazza della Loggia del tempo sotto l’impero di Venezia, e alcune belle architetture rinascimentali sono la glassa sulla deliziosa torta di Brescia. Scopri altre cose da vedere e da fare in ed intorno alla città con la nostra lista delle migliori attrazioni turistiche di Brescia.

Se hai tempo per non vedere altro a Brescia, cammina dal centro in fondo a Via dei Musei attraverso il vecchio Foro Romano e le sue antiche attrazioni per questo sorprendente complesso museale ospitato in un ex monastero benedettino. Sotto il convento e dotate di passerelle per la visualizzazione, sono case romane con pavimenti a mosaico. Tra gli antichi manufatti, che comprendono altari e frammenti architettonici dal I secolo a. C. al V secolo d.C., si trova una straordinaria Vittoria alata in bronzo di due metri. La Croce in oro del Desiderio, in pietre preziose dell’ottavo secolo, mette in evidenza i gioielli e le opere d’oro del Tesoro. L’arte e l’architettura delle epoche medievale e veneziana di Brescia completano il quadro nei periodi tardogotico e rinascimentale. Da non perdere le chiese longobarde e romaniche e il coro delle monache sontuosamente affrescato. Pochi musei hanno questa gamma, così ben esposta, e raramente un museo può dare un’immagine così completa e avvincente di due millenni di storia di una città.

Sempre a Brescia bisognerebbe dedicare qualche ora alla visita dello splendido Tempio Capitolino. Risalendo su una collina, e originariamente raggiunto da un paio di scalinate, il tempio deve aver fatto un drammatico sfondo al centro dell’attività romana. Oggi, solo sei delle colonne corinzie stanno in piedi, le loro parti in marmo bianco originale contrastano chiaramente con il restauro in mattoni del XIX secolo che li tiene in posizione. Costruito nel 73 d.C., nel regno di Vespasiano e dedicato a Giove, Giunone e Minerva, l’imponente tempio ha le tre celle (intere) intatte, dove è possibile vedere gli altari e i pavimenti originali in marmo colorato. I tour giornalieri durano 50 minuti e hanno una presentazione multimediale.

Sempre a Brescia, per chi ama le antiche vestigia romane, è possibile visitare il teatro romano. Stare in questa piccola piazza e puoi quasi immaginarti qui nei primi secoli dC, quando i romani stavano costruendo grandi edifici classici nella loro città settentrionale di Brixia. Questo era il forum occupato e sopravvive abbastanza impressionante per dare un’idea della sua grandezza. Sei in piedi su una parte della strada principale romana, il Decumano Massimo, che ora è Via dei Musei; cercare la pavimentazione originale con i fronti dei negozi scavati su un lato della piazza. Accanto al Capitolium restaurato che sovrasta, è possibile vedere il Teatro Romano del 3 ° secolo e i resti della Porta orientale romana. I resti della basilica del primo secolo sono integrati in una parete sull’adiacente Piazza Labus.

Andando avanti con i secoli bisogna dedicare una visita anche al Duomo Nuovo. Fianco a fianco, in drammatico contrasto, si ergono le vecchie e nuove cattedrali, costruite nel XVII secolo, con una cupola centrale aggiunta nel 1825. Molto più interessante è il suo predecessore, soprannominato Rotonda per la sua forma a tamburo. All’interno di questa massiccia cattedrale tra l’XI e il XII secolo, cerca un sarcofago in marmo rosso intagliato; casse intagliate in legno; e scalinate che conducono alla cripta, costruita tra il IX e l’XI secolo come parte della prima basilica. Cerca pezzi di pietra romana che sono stati riciclati per costruirlo.

Sempre a Brescia non è possibile lasciarsi sfuggire il castello. Qui, una passerella lastricata conduce attraverso giardini al castello di Brescia, che sorge sopra il centro storico. Roccaforte della potente famiglia Visconti, il castello è stato fortificato sin dal XIII secolo, ma furono aggiunti l’imponente ingresso e il ponte levatoio, insieme ai suoi massicci bastioni esterni, durante i quattro secoli in cui il dominio della Repubblica Veneta si estese a Brescia e oltre. Oggi ospita il Museo delle Armi L. Marzoli (Museo degli armamenti) e il Museo del Risorgimento, con mostre sul movimento indipendentista italiano della metà del 1800.

Ma non è finita qui. Tra le piazze più pittoresche dell’Italia settentrionale, Piazza della Loggia fa pensare alla storia veneziana di Brescia, con i portici del XV secolo del Sansovino e del Palladio. La graziosa Loggia (municipio) nella sua estremità occidentale fu iniziata in stile rinascimentale nel 1492 e non completamente completata fino al 1674, con finestre del Palladio. Di fronte, sopra un lungo colonnato, c’è un gigantesco orologio del 1581, sormontato da due “Macc de le ure” (pazzi custodi del tempo) fatti di legno e ricoperti di metallo. Il lungo palazzo sul lato sud, il Monte di Pietà, ha un’adorabile loggia in stile veneziano sopra l’ingresso. La piazza e la vicina Via X Giornate sono luoghi popolari per lo shopping a Brescia

adminagenzia

RELATED ARTICLES